image.LTgwNTQyMzg1Mw
image.LTgwNTQyMzg1Mw

INDIRIZZO: Corso Giovanni Lanza, 78

               10135 - Torino TO
          ZONA   OLTREPO'  CRIMEA 
TELEFONO: 330 513241  -  011 6601767 

CRAVARIO ANGELO

P.IVA 01499710018

 

Cookie & Privacy Policy

Dr. Professor Angelo Cravario

WEBIDOO-logo-footer

Farmed by WEBIDOO

Specialista Pneumologo

Cravario

REPERIBILITA': 


il Professore per i casi URGENTISSIMI è sempre reperibile al suo cellulare 330513241


per problemi NON URGENTISSIMI, telefonare alla Segreteria 0116601767  ed il Professore entro poco Vi richiamerà.
‚Äč

TUBERCOLOSI

 

La tubercolosi è una malattia infettiva che può presentarsi in forma  acuta o cronica ,

causata dal Mycobacterium tubercolosis.

Pur interessando prevalentemente gli organi respiratori , raramente altri apparati

possono essere coinvolti .

La sintomatologia è costituita da tosse con carso escreato, talvolta striato di sangue,

deperimento generale e febbricola. Esistono, oltre la visita medica, numerosi esami

sia ematologici che sul catarro, che insieme agli studi radiologici, permettono la

diagnosi di questa malattia.

In Europa, ed in particolare in Italia, l'infezione degli organi extrapolmonare

è rarissima. Quella dei polmoni, negli ultimi decenni, si è fatta assai poco frequente

in conseguenza della migliorata nutrizione della popolazione, delle misure igienico

sanitarie, e delle efficaci terapie, soprattutto antibiotiche, a nostra disposizione. Si ammalano con più facilità invece, nei nostro clima, persone immigrate dai paesi tropicali e subtropicali. Questo avviene poichè, nel nostro Paese, da secoli, la popolazione viene a contatto con il germe tubercolare, ed ha sviluppato una forte resistenza all'infezione. Così non è stato nei paesi sopracitati.

La terapia della malattia si avvale di potenti antibiotici e di un miglioramento dello stato nutrizionale. Quanto  più precoce sarà la diagnosi tanto più verrà facilitata la guarigione. Salvo rari casi, data la disponibilità di potenti farmaci (antibiotici) antitubercolari, non è più necessario il ricovero ospedaliero nei sanatori.

Pur essendo drammaticamente diminuito il numero di ammalati di questa patologia, tuttavia non va dimenticata e deve essere sempre tenuta presente dal Medico nei casi di broncopatie che non si risolvono con le comuni terapie.

Nel sospetto della presenza di questa affezione è importante approfondire gli accertamenti poichè essa è causa di importanti danni soprattutto a carico del cuore e del cervello.

img.LTEwNjQ0MDA1Mjk1.jpeg